PICCOLA PATRIA /

MALA DOMOVINA

7 luglio - ore 21.00

>

>

di Lucia Franchi e Luca Ricci

regia Luca Ricci

con Simone Faloppa, Gabriele Paolocà e Gioia Salvatori

produzione CapoTrave - Infinito

 

 

Presso

CENTRO CULTURALE POLIFUNZIONALE OTTAGONO, CODROIPO (IT)

Via G. O. Marinelli, 6, 33033 (UD)

Ci siamo chiesti più volte durante la scrittura perché avessimo deciso di raccontare questa storia, attraverso questi tre personaggi che a poco a poco prendevano forma.

Abbiamo cercato di renderli più “persone” possibili: ognuno di noi è complesso, è il buono e il cattivo a seconda dei ruoli che ha e dei momenti della vita che attraversa.

Non volevamo prendere parte per nessuno di loro. Li capiamo tutti e tre, e li rispettiamo, anche se non condividiamo le scelte di nessuno di loro. Diamo il beneficio del dubbio a Corrado, come lo diamo a ogni politico che ci governa, anche se non l’abbiamo votato, fino a prova contraria. Non avremmo però votato “sì” a questo referendum. Capiamo bene Caterina che è stufa di tutto questo, che ha provato a ritornare, sentendosi però “isolata” e lontana, ma le sue ragioni non sono solo nobili, e non contribuirà a migliorare il suo paese. Lorenzo era un violento, e questo non lo possiamo approvare: mandare a fuoco una scuola è illecito, anche nella più veemente delle battaglie. In lui rivediamo, perché gliel’abbiamo data, la nostra rabbia, la nostra frustrazione nel vedere affermarsi un pensiero dominante in cui non ci riconosciamo; da lì nasce il suo restare in silenzio, ammutolito, mentre nessuna alternativa prende voce. Così pare che tutti siamo d’accordo con Corrado, oppure ritorniamo alle nostre isole, come Caterina, o non sappiamo che altro proporre, come Lorenzo. Davvero finisce così?

 

 

Lucia Franchi e Luca Ricci sono una coppia nella vita e nel lavoro creativo. Insieme hanno fondato la compagnia CapoTrave e scritto undici spettacoli che sono stati rappresentati in alcuni dei più importanti festival e rassegne teatrali italiane (Contemporanea Prato, InEquilibrio Armunia

Castiglioncello, Short Theatre Roma, Teatri di Vetro Roma, Wonderland Festival Brescia, Zoom Festival Scandicci, Tramedautore Festival Milano, Nobodaddy Ravenna, StArtUp Festival Taranto). Sono i fondatori del Kilowatt Festival, a Sansepolcro (Ar).

 

 

Simone Faloppa è attore di prosa, dramaturg e storyteller. Ha lavorato come attore, tra gli altri, negli spettacoli di Marco Baliani, Federico Tiezzi e Gabriele Lavia oltre a intrapendere un percorso autoriale e attoriale in proprio, anche in coppia con David Batignani. Collabora con il Teatro Nazionale della Toscana nel ruolo di attore e aiuto-regista. Per la Rete Bibliotecaria Toscana ha sviluppato un programma di letture crudeli per l’adolescenza: Riaprire il fuoco.

 

 

Gabriele Paolocà si diploma, come attore, alla Civica Accademia d'Arte Drammatica Nico Pepe di Udine nel 2010. Ha lavorato con Elena Bucci, Marco Sgrosso, Michele Sinisi, Michele Santeramo, Teresa Ludovico, Fabio Morgan, Leonardo Ferrari Carissimi. Nel 2015 vince il Premio Hystrio alla Vocazione. Nel 2011 fonda la compagnia VicoQuartoMazzini dove tuttora ricopre i ruoli di attore, regista e autore. E' tra i vincitori del bando In-Box 2015 con il suo spettacolo "Amleto FX”.

 

 

Gioia Salvatori, nata a Roma, attrice e autrice. Si forma presso il CentroTeatro Ateneo dell'Università di Roma la Sapienza dove studia Commedia dell' Arte con Claudio De Maglio. Successivamente lavora con Bruce Myers. Nel 2010-2011 presso il Teatro Due di Parma collabora con Michela Lucenti/ Balletto Civile e Gigi Dall' Aglio. Da alcuni anni ha aperto un blog satirico da cui ha tratto il suo ultimo spettacolo "Cuoro", per la regia di Giuseppe Roselli, che è stato un piccolo cult nell'ambiente teatrale romano.